Per motivi di praticità possiamo non usare l’accento nei seguenti casi:

1) nei monosillabi, formati da A, I, U tonica BREVE, quando li scriviamo terminanti in doppia consonante:
ratt/ rátt, rotto; pazz/ pázz, pozzo; dritt/ drítt [Carpi], dritto; stuss/ stúss [Carpi], botto

2) bisillabi con due A, in cui la prima è tonica LUNGA e quella finale è atona:
caza / càza, caccia; stmana/ stmàna, settimana; żażra/ żàżra, zazzera