Poesia di Nerina Ardizzoni – dialetto di Renazzo di Cento (FE)

La lùna d’arʒènt la bréla sul mònd,

al mèr l’è scùr e al cóna al só ònd,

al pascadór tìra la rèd a man,

mèntr un gabiàn s’lamènta, da luntàn,

L’aqua la sa slèrga, la crès,

al scùr al sa sciarèza pian pianèn,

a tàca  a slunbarʓèr,

la nòt la sa sculòra,

al sòl finalmènt vin fòra.

Al  cànn al chèntan na canzòn d’amòr,

mèntr al vènt a li bràza

e al pòrta in gìr l’udòr

Al pascadór al guèrda in èlta e al pènsa,

al spèra che incùa sèpa un dè pjó bèl

ma ènch se l vènt cùś péll e òss

an à mai pinsè ad lasèr al só pòst.

An à mai pinsè ad lascèr i só canèl

i só punt o al só mèr,

al só Delta, la só aria salèda,

la magia d’la só zitè indruminzèda.

Sòvra a la bèrca al rèma al pascadór,

al spèta ad ciapèr al pès con la strèla d’ór.[1]

Il Pescatore

La luna d’argento brilla sul  mondo

il mare è scuro e culla le sue onde,

il pescatore tira la rete a mano

mentre un gabbiano piange, di lontano.

L’acqua si allarga, cresce,

il buio si schiarisce piano piano,

si comincia a distinguere le ombre,

la notte perde il suo colore

e finalmente appare il sole.

Le canne cantano una canzone d’amore

mentre il vento le abbraccia

e porta in giro l’odore.

Il pescatore guarda in alto e pensa,

e spera che oggi sia un giorno  migliore,

ma anche se il vento brucia pelle e ossa

non ha mai pensato il lasciare il suo posto.

Non ha mai pensato di lasciare i suoi canali,

i suoi ponti o il suo mare,

il suo Delta, la sua aria salata,

la magia della sua città addormentata.

Sopra la barca rema il pescatore,

aspetta di prendere il pesce con la stella d’oro.

[1]Pesciolino magico capace di esaudire ogni desiderio