Facebook
Angolo poetico dialettale

 

Giorgio Rinaldi, Arriva il temporale, olio su tela, 70x100

AL TEMPOREL

M nōna la curiva in dlēra
cl rampin e la muita,
p la fēva s na cr
minter n urasiun la-gh blighva d-lngh a la baslta.
Al cel al dvintēva scrnegher,
p d clp, al luva, impiē da na sata.
Al trunal trun!
arva al diēvel in carōsa
tirmm s i ltom cuvun,
st temporēl al gh d dabun!
In m al cipi ed furmint,
el cr piantēdi da m nōna
i parven monumint,
la fd la tgnva bōta
pi che un regimint.
Do gsi in cre p pi gnnt,
in clēra,
a gh armagnva sl un gran spavint.

Sauro Roveda (Dial. di Carpi)

Trad.: Il temporale // AMia nonna correva sullaia/col rampino e la molla,/e formava una croce/mentre una preghiera gli scivolava dal mento./Il cielo si faceva buionero pesto,/poi allimprovviso, si illuminava, accesso da un lampo./Il tuonoil tuono!/arriva il diavolo in carrozza/raccogliamo gli ultimi covoni,/questo temporale fa sul serio!/In mezzo ai campi di frumento,/le croci dulivo piantate da mia nonna/parevano monumenti/la fede teneva duro/pi che un reggimento./Due gocce in crocee nulla pi,/Nellaia,/restava solamente un gran spavento.