Facebook
Angolo poetico dialettale

 

Cranvèl

- Preparèv ch’arìva Cranvél.

-Alòra andèn tótt a balèr,
a la fèsta o al veliòn
bàsta ch’as fàga dla cunfusiòn.

- A vój un vistì da Pulcinèla.
- Te cúʃa cúʃat in dla padèla?

- A vój un vistì da Balanzòn.
- Te cúʃa métat in dal pgnatòn?

- A vój un vistì da Colombèna.
- A vdèn la màma cúʃ’ la cusèna.

-Par Cranvèl è bòni al fritèl.
-Ènch i turòn i-s pòlan magnèr.

- Mo mé a dègh che al quèl pjó bèl
l’è la brazadèla da tucèr!

- Mascarèn a-n-avì brìʃa raʃòn,
magnèr l’è bel,
ma l’è la cunpagnìa
al nòciol dl’alegrìa!

Nerina Ardizzoni, dialetto di Renazzo di Cento (FE).

Traduzione: Carnevale // - Preparatevi che arriva Carnevale./ - Allora andiamo tutti a ballare/ alla festa o al veglione,/ l’importante è che si faccia della confusione./ - Voglio un vestito da Pulcinella/ - Tu cosa cuoci nella padella?/ - Voglio un vestito da Balanzone./ - Tu cosa metti nel pentolone?/ - Voglio un vestito da Colombina/ - Vediamo la mamma cosa cucina./ - Per Carnevale sono buone le frittelle./ - Anche i torroni si possono mangiare./ - Ma io dico che la cosa migliore/ è la ciambella di intingere!/ - Mascherine non avete ragione, / mangiare è bello, / ma è la compagnia/ il nocciolo dell’allegria!