Facebook
Angolo poetico dialettale

 

Giorgio Rinaldi, Primavera; acquerello su carta


Primavera

T'at dasèd 'na matèna
cón un poch ad sgargiulèna,
l'udòr in d l'aria l'è difarènt,
tìra un vènt un po frizènt,
indù prema gh'ira sòl brèna,
a crès dl'erba bèla vardèna.

I putén in d'l'ander a scòla
i dascòran a squarciagòla,
al rampichènt a pèr ch'al ciàma,
dapartót gh'è dla cucàgna.

Alòra ti cuntènt,
ènch s'a tìra al vènt,
ènch sa vìn la pjóva,
parché 'riva 'na stasòn nóva.

E ta spèr ch' ariva al sòl,
margarét, ròs e viól
e at spèr ch'la tòrna ènch a lìa,
cme 'na vólta, la tó cumpagnia.

Nerina Ardizzoni (dial. di Renazzo di Cento - FE)

Trad.: Primavera// Ti svegli una mattina/ con un po' di frenesia, / il profumo nell'aria è diverso,/ soffia un vento un po' frizzante,/ dove prima c'era solo brina/ cresce un'erba già verdina./ I bambini nell'andare a scuola/ parlano a voce alta,/ il rampicante sembra ammiccare,/ dappertutto c'è felicità./ Allora sei contento,/ anche se soffia il vento,/ anche se piove,/ perché arriva una stagione nuova./ E speri che arrivi il sole,/ margherite, rose e viole/ e speri che pure lei possa tornare,/ come una volta, a chiacchierare.
[lett.:la tua compagnia].