Facebook
Angolo poetico dialettale

 

I trî cavratt

Una matina e cuntadin Mingatt
menter e và el soo besti per guernê,
int on canton dla stala e s-arcurzê
ch’l’aviva fat la chevra tri cavratt.

Tótt maravià e cuntent e córs, est fatt
a e soo padròn, poch dòp a racuntè,
propria int l’ora ch’l-éra drè a desnê;
e enca lu l-armeṡ estupefatt.

E dòp un pòch vultànds a e cuntadin:
« Tótt tri a scivèe cuma faràn-i – ech dèss –
se la chèvra la-n ha che du cavdin?».

«Un e farà – e rispoṡ – precisamént
cuma, mènter lu e magna, a fagh me adèss:
quènd chi du etr i tátten, e pundrà a mént!».

Giacomo Giacomelli (Dialetto di Pavullo)

Traduzione: I tre capretti// Una mattina il contadino Domenico/ mentre va le sue bestie a governare,/ in un angolo della stalla si accorse/ che la capra aveva fatto tre capretti./ Tutto meravigliato e contento corse, questo fatto/ al suo padrone, poco dopo a raccontare,/ proprio nell’ora in cui era dietro a desinare [stava pranzando];/ e anche lui rimase stupefatto./ E dopo un poco voltandosi al contadino:/ «Tutti e tre a succhiare come faranno? – gli disse –/ se la capra non ha che due capezzoli?»./ «Uno farà – gli rispose – precisamente come, mentre lei mangia, faccio io adesso:/ quando gli altri due succhiano, lui starà a guardare!».