Fôra in dla nōt ed l-ùltem ed l-an,

come tant davanti a un falò,

sturdî dal luśôr fragrôś dal piànt,

intrighê a nēś a l-insó.

La vampa inarchēda in guézz

furèint e selvàg come un quēl viv.

Miēra ed faléster in vôl

par pò sparîr in gnînt.

A sámm tótt acsè, gnînta ed pió,

a pinsēva strichê in dal capōt.

A-n sámm ché faléster d-un gran falò,

faléster lancēdi in dla nōt.

 

Ermanno Zanfi

(Dialetto di Formigine)

 

Trad.: Faville// Fuori nella notte dell’ultimo dell’anno, come tanti davanti a un falò,/ storditi dal bagliore fragoroso delle piante,/ attratti a naso all’insù./ La vampa inarcata in guizzi/ furenti e selvaggi, come cosa viva./ Migliaia di faville in volo/ per poi sparire in niente./ Siamo tutti così, nulla di più,/ pensavo stretto nel cappotto./ Non siamo che faville di un grande falò,/ faville lanciate nella notte.