“Adman l’è Pasqua! L’è Pasqua”
“Boj i òv, ch’ a i andèn a bandìr
dèntr un zastèn con fjùr e zintrèn”

La cìśa l’è péna ad putén,
i gh’en propìa tót, grand e cén,
parfén chi fa fadiga a girèr
in ‘st ucasiòn an vòl briśa manchèr.
L’è al sàbat sènt biśògna spianèr
e da tót al paeś fèras guardèr.

Al Prìt al taròca, al n’è briśa cuntènt
“ S’è mai vést gnìr in cìśa tènta zènt…
a pèr che ‘sta bandiziòn
la sèpa mèj che dir agli uraziòn.”

Acsè, quant al riva a l’altèr,
propia an pòl briśa tasèr
e al dis che l’arèv a chèr
che i òv i andèsan ad travèrs
a chi a la cìśa n’agh và mai advèrs,
e sòl in ucasiòn ad ‘sta bandiziòn
al vòl èsar un cristiàn dabòn dabòn!

Ardizzoni Nerina (Dialetto di Renazzo di Cento – FE)

Trad.: La benedizione delle uova // “Domani è Pasqua! È Pasqua”/ “Metti a bollire le uova, che le andiamo a benedire/ dentro un cestino con fiore e centrino”/ La chiesa è piena di bambini,
ci son proprio tutti, grandi e piccini,/ perfino chi fa fatica a camminare/ in questa occasione non vuole mancare,/ è il sabato santo bisogna spianare/ e da tutto il paese farsi ammirare./ Il Prete brontola, non è contento/ “S’è mai vista tanta gente in chiesa…/ sembra che questa benedizione/ sia meglio che dire un’orazione”./ Così quando arriva all’altare/ proprio non può tacere/ e dice che avrebbe piacere/ che le uova andassero di traverso/ a chi alla chiesa non va mai verso,/ e solo in occasione di questa benedizione/ vuole essere un cristiano sul serio!