Poesia di Nerina Ardizzoni (dialetto di Renazzo di Cento)

Sidùda in d’na scràna,

na butélia d’aqua in man

e suquènti prógn in grènba,

a guèrd la gru

ch’la bóta ʒò la mi ca’ vècia.

Dintòran, na vólta,

gh’ira al pulèr, la stàla, la végna,

i putén ch’i curivan a drìa al galén,

ch’i andèvan a livèr i óv,

ch’i cùjvan i rusticàn,

ch’i śguaitèvan i cunèn

quand la ghèiba la “tarmèva”

Cal pjó cén

a l’aviva sènpar atàch,

l’un dasfjubèva al grinbèl

quand un mitìva a fèr la spója.

Lé, in dal curtèl,

i tedésch i avivan farmè  l’artiglieria;

par n ann agh avìva fat da magnèr par gnìnta,

ón d lòr  l’aviva ènch pruè d’incantunerùm,

ón d lòr al m’aviva salvè.

Al prèm, i l’avivan lasè du dé in śbindlón ʒò pral pòz.

Sòta i cóp, mi cugnè, l’aviva lughè un fuśél;

finì la guèra

insón è pjó ste bòn ad catèral.

“Nòna, gni dèntar!”

“No, an vègn brìśa  in ca’

a vój vèdar  cói mi ùc,

a caschèr, fén a l’ùltum pardóz …

dla mi véta”

La vecchia casa

Seduta su una sedia,

una bottiglia di acqua in mano

e alcune prugne in grembo,

guardo una gru

che sta abbattendo la mia vecchia casa.

Lì intorno, una volta,  c’erano

la stalla, il pollaio e la vigna,

i bambini che correvano dietro alle galline,

che andavano a prendere le uova nei nidi,

che raccoglievano i rusticani,

che guardavano di nascosto l’accoppiamento dei conigli.

Il più piccolo

mi stava sempre vicino,

mi slacciava il grembiule

quando mi mettevo a far la sfoglia.

I tedeschi avevano parcheggiato lì, nel cortile l’artiglieria,

per un anno ho fatto da mangiare per loro, gratis,

uno di loro aveva tentato di usarmi violenza,

uno di loro mi aveva salvato.

Il colpevole l’avevano lasciato per due giorni a penzolare nel pozzo.

Sotto il tetto, mio cognato, aveva nascosto un fucile,

finita la guerra

non si è più trovato.

“Nonna, venite dentro!”

“No, non vengo in casa,

voglio vedere con i miei occhi,

cadere fino all’ultima pietra…

della mia vita”