17 Gennaio Sant’Antonio Abate, protettore degli animali e della stalla
Da libro dei Proff. Sara Prati e Giorgio Rinaldi “Almanacco delle feste tradizionali” ed. CDL

La nōt ed Sant-Antáni
’Na vôlta, dimóndi i cardîven che al bêsti i parlésen, in zêrt dè ed l-an, come pár Sant-Antáni, ch’l-êra al sô protetòur. Tótt però i savîven bèin che a un ch’al fóss stē lè a sèintri a gh srévv capìtê ’na quēch ’sgràzia. Mó ’na sîra, un buēr a-s nascundé int-la stàla parchè al vlîva sèintr, a tótt i cást, quál che i bô i gîvn ed ló; sichè dòunca, a cavàl dla mezanōt, un bò al gé: ” ‘Sa fámia ’d matèina?”. E clētra bêstia ch’ l’êra lè arèint: A purtám al buēr a la bûśa!”. A sté raśunamèint, a cál póvr-ámm a gh ciapé un s-ciupòun e al môrs lè subétt. L-ēra stē al fatôr che par fērgh un schêrz al s-êra lughê int-la grápia e l-avîva fat la vuślàza di bô.
L-è prōpi vêra che a êser curiòus, in zêrt chēś a-s gh-armétt !

La notte di Sant’Antonio – Un tempo, molti credevano che gli animali parlassero, in certe ricorrenze dell’anno, come per Sant’Antonio, loro protettore. Tutti, però, ben sapevano che sarebbe accaduta una disgrazia a chi si fosse azzardato ad ascoltare. Ma una notte, un bovaro si nascose nella stalla, poiché voleva udire ad ogni costo, quello che i buoi avrebbero detto di lui. Così, intorno alla mezzanotte, l’uomo udì un bue chiedere:” Cosa faremo domattina? E l’altro animale che si trovava lì accanto: “Porteremo il bovaro alla fossa”. Nell’udire tale colloquio, al pover’uomo venne un attacco di cuore e morì sul colpo. Era stato il fattore che, per fare uno scherzo, si era nascosto nella mangiatoia e aveva imitato il vocione dei buoi.
È proprio vero che, in certi casi, la curiosità danneggia.!