Il primo dell’anno i bambini, in gruppo, andavano per le case, augurando il Buon Anno, con strofette come la seguente:

A sòun gnû a dēr al Bòun Cap d-An,
ch’a campési bèin zèint an,
zèint an e un dè.
La bòuna man la-m vén a mè.
A-n pretànd nè ōr nè arżèint,
ed cuáll ch’a-m dē a sòun cuntèint.

Son venuto  a dare il buon Capodanno, / possiate campar bene cento anni, / cento anni e un giorno. / La mancia viene a me. / Non pretendo né oro né argento, / di quello che mi date sono contento.Spesso, in cambio della breve recita, ricevevano dolcetti e qualche monetina. Alcune volte non ricevevano nulla e se ne andavano mogi, lanciando degli “auguràz”, cioè maledizioni.