Specialità fiumalbine

Chi v’ha ditto che n’altri Fiumalbini,

perché i stèmma a la vètta del Cimòn,

i sèmma pò tanto da Dio cretini,

ch’i nun sàmma far gnénte de bòn?

Vegnî a sentire i nostri stufadîni

de lévora, de fungi e un bòn bocòn

de tròta fritta, oppur cèrti arrostini

de tordi e merli, e … dáme del minciòn!

 

Eppò i sentirî dir da chi gh’è stà

che Fiumalbo l-è il posto del caffè

aromatico, schietto, profumà!

E se da nu le vîde nun ghe fân,

quell’acqua bòna e fresca che qui gh’è

la costa più de tutto é vin de piân

 

Pietro Amidei (Dialetto di Fiumalbo)

 

Chi vi ha detto che noi altri Fiumalbini/ per il fatto che viviamo presso la vetta del Cimone,/ siamo poi [stati creati] da Dio tanto cretini, / che non sappiamo fare niente di buono?/ Venite a sentire i nostri stufatini/ di lepre, di funghi e un buon boccone/ di trota fritta, oppure certi arrostini / di tordi e merli, e… datemi del minchione!/ E poi sentirete dire da chi c’è stato/ che Fiumalbo è il posto del caffè/ aromatico, schietto, profumato!/ E se da noi le viti non attecchiscono, / quell’acqua buona e fresca che qui c’è/ vale più di tutto il vino della pianura.