I Modenesi chiamano i testicoli “i du d’agást”, poiché al tempo dell’occupazione francese, i militari avevano una divisa attillatissima, da cui risaltavano le parti intime e, al riguardo, il regolamento  ordinava di sistemare “les deux à gauche” (i due a sinistra). Le giovani reclute modenesi tradussero questa espressione, per assonanza, in  “ i due d’agosto”. Inoltre per l’antichissima usanza di infiocchettarsi i genitali in questo giorno, la giornata del due agosto era considerata, in modo scherzoso, la festa degli uomini.