In ricordo di Ermanno Zanfi,

un amico formiginese compositore, cantante e chitarrista,

 recentemente scomparso,

pubblichiamo

il testo di una sua canzone in dialetto formiginese

 A Tàni (e a quî come ló)

Guèrda i oč di vēč cuntadèn,
srèn in dál calēr dal sôl.
Oč ed chi ha savû fēr fròunt al mánd,
con gnìnta, come i rusgnô.
Oč chi han guardē con fêd e speranza,
con intrighê sguèrd d’amôr,
ed chi ha kgnusû misêria e abundànza,
vést la guèra e al dulôr.

Guèrda el màn de sti nòster vēč
pusèdi in séma ai snōč.
Man ch’han savû cambiêr al mánd.
Màn con i dî come sprōk.
E gl-i- han regalē ’na quèlch rósdga caráza,
branchē con ràbia un bastòun,
savû druvēr la pána e la vànga,
strichê un rusàri o un pistòun.

Guèrda al pās di vēč cuntadèn,
lèint come al gîr dèl stagiòun.
Pās ed chi ha sudê in càmp d’afitànza,
in mēz al paciùgh e ai giaròun;
ed chi ha trasfurmē ’na landa in pudêr:
i n’in fan pió de ’sta gèint.
I gh’han fač d’ám, che al ghégn d’incô
el pēren d’alevamènt.

Dámegh rispēt a ’sti nōster vēč,
pió ed quál ch’a-n fáma incô.
Dámegh rispēt, e andám orgogliôs
d’êser nuēter i sô fiô.

Ermanno Zanfi (Dialetto di Formigine)

 TRADUZIONE

A Tàni (e a quelli come lui) / Guarda gli occhi dei vecchi contadini, sereni al tramonto. / Occhi di chi ha saputo far fronte al mondo, / con niente, come gli usignoli. / Occhi che hanno guardato con fede e speranza, / con furtivi sguardi d’amore, / di chi ha conosciuto miseria e abbondanza, / visto la guerra e il dolore. / Guarda le mani di questi nostri vecchi, / posate sulle ginocchia. / Mani che hanno saputo cambiare il mondo. / Mani con le dita come legnetti. / Esse hanno regalato una qualche rustica carezza, / afferrato con rabbia un bastone, / saputo adoperare la penna e la vanga, / stretto un rosario o un pistone. / Guarda il passo dei vecchi contadini, / lento come il giro delle stagioni. / Passo di chi ha sudato su campi in affitto, / in mezzo al fango e alle pietre; / di chi ha trasformato una landa in podere: / non ne fanno più di questa gente. / Hanno volti d’uomo che, al confronto, le facce d’oggi sembrano di allevamento. / Diamo rispetto a questi nostri vecchi, / più di quanto facciamo oggi. / Diamo loro rispetto, e andiamo orgogliosi / di essere noi i loro figli.