Mese di Luglio

Mese di Luglio

Mese di Luglio

Ormai siamo nel pieno dell’estate e il colore dominante è il giallo, colore del sole e dei campi di grano maturo. Molti contadini avevano già iniziato la mietitura, in quanto, per la maggioranza, il giorno d’inizio era S. Giovanni Battista (24 giugno).

Una volta la mietitura si effettuava a mano, con l’aiuto della falce messoria (l’amsóra). In questo mese terminava la mietitura e seguiva la trebbiatura: dapp al mêder a vénn al bàter (lett., dopo il mietere viene il battere) come diceva anche una conta per bambini. Prima della comparsa della trebbiatrice meccanica (màchina da bàter) la trebbiatura veniva eseguita manualmente con la zêrcia, il correggiato, con cui si battevano le spighe per farne uscire i chicchi.

Luglio è sempre stato, in genere, il mese più caldo dell’anno e, quando una volta non c’erano le macchine, il lavoro della trebbiatura, sotto il sole cocente, risultava particolarmente faticoso.

Ricetta contadina

Pesche ripiene con amaretti

Pesche ripiene con amaretti

Ingredienti per 4 persone: Prendete quattro belle pesche mature, tagliatele a metà, togliete i noccioli e, al loro posto, inserite un amaretto bagnato nel liquore di amaretto oppure di un altro liquore, a vostra scelta. Mettete le mezze pesche farcite in un tegame,...

leggi tutto

Attualità

Cosa Facciamo

I declamatori di Zirudelle

I declamatori di Zirudelle

A cura di Claudia e Giorgio Rinaldi e Sara Prati. Si rivivono le atmosfere nelle aie o nelle stalle con i declamatori di zirudelle o favulài. Le “zirudelle” erano caratteristici componimenti umoristici dialettali con contenuti scherzosi. Si va da quelle sentimentali,...

leggi tutto

Poesia

Al mèʃar (Il macero)

Al mèʃar (Il macero)

Gh'ira un mèʃar ad drìa da cà con dal bés in zà e in là, ròsp, ranùc e pasarén, tót quel c'agh vól par fèr divartìr i putén. L'ira là che m' andeva a lughèr quand in ca' i tachèvan a bravèr, l'ira là che mi a pinsèva a la fóla fulenta e a chi la nasèva. Sóta al sàlas...

leggi tutto

Antichi mestieri

Un antico mestiere: il venditore di ghiaccio

Un antico mestiere: il venditore di ghiaccio

Uno dei prodotti, in estate tra i più venduti in pianura era proprio la neve, che proveniva dalle zone alte del nostro Appennino. Attorno alla neve c’era un vero e proprio commercio, sostituito poi, dopo l’invenzione delle prime ghiacciaie, da quello del ghiaccio. Si...

leggi tutto

Proverbi contadini

Il solleone

Il solleone

Poco dopo la metà di luglio, il sole entra nella costellazione del Leone, e da qui deriva il nome solleone, attribuito a questo periodo, caratterizzato dalla stabilità climatica e dal gran caldo. Quest’ultimo aspetto era ben definito dal proverbio In lói la tēra la...

leggi tutto

Tradizioni contadine

I Santi della pioggia di Luglio

I Santi della pioggia di Luglio

I santi della pioggia In luglio, la siccità è sempre stata un grave problema, per i danni provocati alla campagna e la conseguente miseria per gli abitanti. Spesso, per ottenere la pioggia, si svolgevano funzioni religiose, giornate di preghiera e processioni,...

leggi tutto

Nôv ed paca (nuovo di pacca)

Nôv ed paca, nuovo di pacca, nuovissimo, appena fabbricato, nuovo di zecca. La locuzione deriva con ogni probabilità da alpacca, argentone (“argento tedesco”). L’alpacca è una lega metallica, con cui venivano rimessi a nuovo dei servizi da tavola, così che l’idea di...

Arivêr a la cavdàgna

Arivêr a la cavdàgna, arrivare alla capezzagna/ capitagna: arrivare alla fine della vita; giungere alla fine di un lavoro. Se il campo e il lavoro campestre possono simboleggiare la vita dell’agricoltore, così la capezzagna ne rappresenta i due estremi: l’inizio e la...

Magnêr còun al bvinēl, mangiare con l’imbuto, trangugiare il cibo.

Il modo di dire è conosciuto in tutti i dialetti della regione e numerose sono le varianti del termine “imbuto”, di cui riportiamo le più note: piriö (PC); lorètt (PR); ludrèt (RE); binēl, bvîna, dvinēl, bvinēl (MO); buvinē, buinēl (BO); piriòt, priòt (FE); pidariúl,...

Tgnîr da cat/- d’acàt (Tenere da conto, conservare con cura)

In dialetto la parola (a)cat viene usata soltanto in questa espressione, mentre in italiano “in accatto” (raro), significa “in prestito” e vivere di accatto, “vivere di elemosina”. Il dialetto Tgnîr da cat è un’espressione antica emiliana, già documentata, a Modena,...

Andēr a scrōch (andare a scrocco)

Andēr a scrōch o scruchēr, significa andare a scrocco/ scroccare, chiedere in regalo qualcosa che non ci è stato offerto o farselo pagare da altri, vivere a spese altrui, elemosinare, spesso senza bisogno. Sull’origine della locuzione sono state proposte alcune...

Dēr un côlp al zêrc e un a la báta (dare un colpo al cerchio e uno alla botte)

Dēr un côlp a zêrc e un a la báta , dare un colpo al cerchio e uno alla botte: non scontentare né l’una né l’altra parte contrapposte, con parole e azioni;  tenere i piedi in due staffe; comportarsi in modo diplomatico a volte a fin di bene, ma, a volte, per...

Ciapēr al tōr par i cōren (prendere il toro per le corna)

Ciapēr al tōr par i cōren, prendere il toro per le corna: affrontare una situazione, un problema, una persona con decisione. Il modo di dire ha origine dall’azione già illustrata in documenti e pitture egizie per mostrare come si doveva procedere al sacrificio del...

“Fradd da can”, freddo da cani

Corso di dialetto modenese del prof. Giorgio Rinaldi  - I modi di dire “Fradd da can”, freddo da cani: freddo terribile. L’origine della locuzione è molto incerta e diverse sono le ipotesi sulla sua antica origine. Forse la spiegazione più realistica è che i...

Andēr a vagg, andare a veglia

Andēr a vagg, andare a veglia: trascorrere le sere d’inverno, in compagnia, nelle stalle. Le serate a veglia iniziavano in genere il primo novembre, giorno di Ognissanti e terminavano il 19 marzo, giorno di San Giuseppe. Un tempo c’era l’usanza di ritrovarsi a sera,...

Facebook Pagelike Widget

Novità in libreria

Indovinelli dei nostri nonni

Rebus dialettale

Risolvendo questo rebus dialettale troverete il mio nome. Chi sono e a cosa servo?

Vai alla soluzione…

 

 

Previsioni oggi in Emilia Romagna

Meteo Emilia Romagna