Facebook
Home

Dicembre



Dicembre, uccisione del maiale

Dicembre per i contadini di un tempo non era solo il mese del freddo, della neve e delle preoccupazioni (si temeva, causa la miseria, di non avere abiti adatti alla stagione e cibo sufficiente), ma anche il periodo delle feste e soprattutto del Natale.
Tante le tradizioni giunte fino a noi da civiltà e secoli lontani, come quelli precedenti la civiltà romana o che si perdono addirittura nella notte dei tempi. Ricordiamo, ad esempio, la tradizione dello scambio di regali, beneaugurante, e quella di fare pronostici sul nuovo periodo che si stava aprendo, una nuova stagione e un nuovo anno, per la salute, l’economia della famiglia, la meteorologia e persino la vita sentimentale.
Il Natale di una volta ci ha lasciato proverbi, piatti tipici, leggende, credenze magiche e tanto altro, ma soprattutto il desiderio di trascorrere quel giorno di festa insieme, in famiglia e in modo corale. Basta ricordare che la semplicità contadina riassumeva tutto questo nel detto “Par Nadēl ogni galèina al sô pulēr” (Per Natale ogni gallina al suo pollaio).








Galleria di disegni sul folclore contadino Acquerello di vino Pittura&dintorni - portale dell'Arte Stilweb - Realizzazione siti Internet