Mese di Novembre

Mese di Novembre

Mese di Novembre

Col mese di novembre si entra nel cuore dell’autunno. Ormai dopo gli ultimi lavori nei campi le attività campestri si sono notevolmente allentate. Una volta, in questo mese, i contadini pensavano già all’arrivo imminente dell’inverno e soprattutto alle scorte di cibo, in molte famiglie insufficienti, e facevano provvista di legna per riscaldarsi all’arrivo del freddo invernale.

Uno dei giorni più importanti del mese era considerato quello di San Martino (11 novembre). In quella giornata si facevano gli assaggi del vino nuovo a cui partecipava l’intera famiglia, compresi i bambini e gli anziani e tutti erano allegri, mentre giovanotti e ragazze si divertivano e ballavano. In molti anni, per alcuni giorni, intorno a quella data, il maltempo concedeva una breve pausa, per cui si parlava di “estate di San Martino”, come premio del Signore per il gesto generoso del santo che aveva donato al povero infreddolito la metà del suo mantello. A San Martino scadevano i patti agrari e se un padrone non voleva più il contadino lo sfrattava, in quel giorno, infatti, si diceva “Par San Martèin as manda via i cuntadèin”, per San Martino si mandano via i contadini.

Ricetta contadina

TORTELLACCI DI ZUCCA (Caplāz)

TORTELLACCI DI ZUCCA (Caplāz)

Rubrica: La ricetta contadina del mese a cura di SARA PRATI. Ingredienti (per 4 persone): Per la sfoglia: 4 hg di farina 4 uova Per il ripieno: 600 gr di polpa di zucca cotta al forno 1 rosso d’uovo 150 gr di parmigiano grattugiato 70 gr di pane grattugiato sale noce...

leggi tutto

Attualità

2 NOVEMBRE: riparte la richiesta dei CRISANTEMI ITALIANI

2 NOVEMBRE: riparte la richiesta dei CRISANTEMI ITALIANI

Rubrica: Attualità di CLAUDIA RINALDI. La produzione dei crisantemi richiede cure molto particolari e molta manodopera. In Italia il principale polo floricolo è tra la Piana di Lucca e la Versilia con 5 milioni di crisantemi prodotti all’anno. I prezzi al dettaglio...

leggi tutto

Cosa Facciamo

23 Luglio 2021: I declamatori di Zirudelle

23 Luglio 2021: I declamatori di Zirudelle

A cura di Claudia e Giorgio Rinaldi e Sara Prati. Si rivivono le atmosfere nelle aie o nelle stalle con i declamatori di zirudelle o favulài. Le “zirudelle” erano caratteristici componimenti umoristici dialettali con contenuti scherzosi. Si va da quelle sentimentali,...

leggi tutto

Antichi mestieri

Al caradôr (Il carradore)

Al caradôr (Il carradore)

Un mestiere antico del mondo contadino, ormai del tutto scomparso, è quello del carradore, addetto alla costruzione ed alla riparazione dei carri agricoli e delle ruote di carro, calesse e biroccio. Una volta i carri agricoli nel mondo contadino erano importantissimi,...

leggi tutto

Proverbi contadini

Tradizioni contadine

Halloween e Ognissanti

Halloween e Ognissanti

Le origini della ricorrenza di Halloween hanno radici profonde che risalgono all'epoca dei Celti, popolo in predominanza di pastori e allevatori di bestiame. Per loro, l’anno nuovo non iniziava il 1 Gennaio ma il 1 Novembre (quando iniziava la stagione fredda e finiva...

leggi tutto

Piantēr ’na grana (Piantare una grana)

Il modo di dire significa, creare fastidiose complicazioni, frapporre un ostacolo, improvvisare critiche ecc. Grana ha anche il significato di fastidio, seccatura e ha originato il termine piantagrane. L’espressione, forse di provenienza piemontese, deriva dal...

Êser a la frûta (essere alla frutta)

Il modo di dire significa essere alla fine, aver esaurito ogni risorsa, non avere altro da offrire e simili. L’espressione, che ha valenza negativa, trae origine dalla comune   abitudine di cibarsi di frutta alla fine del pranzo. Questa espressione è antica...

Tôr satt gamba (Prendere sotto gamba)

Il modo di dire significa, sottovalutare qualcuno o qualcosa; prendere le cose con leggerezza. L’origine di questa espressione è molto incerta. Un’ipotesi la fa derivare dall’atteggiamento di un presuntuoso che, nel gioco delle bocce, affermava di riuscire a colpire...

Stravachèe (Stravaccato)

Un nostro lettore ci chiede da dove deriva il termine dialettale "stravachèe" e se ha a che fare con queste mucche di cui ci invia simpaticamente la foto. Confermiamo: Stravaccarsi, essere stravaccato (in dialetto stravachē) deriva proprio dal termine vacca, mentre il...

A la randa dal sôl (sotto la sferza del sole)

A la randa dal sôl, alla lettera, sotto il “randello” del sole, in pieno sole, sotto la sferza del sole. Randa è un antico termine di origine gotica e significava orlo, margine, poi asta o bastone, il cui utilizzo richiede un movimento circolare, rotatorio, poi, per...

Da dove deriva il termine Mugnêga (albicocca)?

Un nostro giovane lettore ci chiede: Perché mia nonna chiamava l'albicocca "mugnêga"? Ecco in breve la risposta: il nome deriva dal lat. "Prunus armeniaca" = susina dell'Armenia; da qui "meriaca/meliaca" e poi nel nostro dialetto "mugniaca" e infine "mugnêga". La...

Nôv ed paca (nuovo di pacca)

Nôv ed paca, nuovo di pacca, nuovissimo, appena fabbricato, nuovo di zecca. La locuzione deriva con ogni probabilità da alpacca, argentone (“argento tedesco”). L’alpacca è una lega metallica, con cui venivano rimessi a nuovo dei servizi da tavola, così che l’idea di...

Arivêr a la cavdàgna

Arivêr a la cavdàgna, arrivare alla capezzagna/ capitagna: arrivare alla fine della vita; giungere alla fine di un lavoro. Se il campo e il lavoro campestre possono simboleggiare la vita dell’agricoltore, così la capezzagna ne rappresenta i due estremi: l’inizio e la...

Magnêr còun al bvinēl, mangiare con l’imbuto, trangugiare il cibo.

Il modo di dire è conosciuto in tutti i dialetti della regione e numerose sono le varianti del termine “imbuto”, di cui riportiamo le più note: piriö (PC); lorètt (PR); ludrèt (RE); binēl, bvîna, dvinēl, bvinēl (MO); buvinē, buinēl (BO); piriòt, priòt (FE); pidariúl,...

Tgnîr da cat/- d’acàt (Tenere da conto, conservare con cura)

In dialetto la parola (a)cat viene usata soltanto in questa espressione, mentre in italiano “in accatto” (raro), significa “in prestito” e vivere di accatto, “vivere di elemosina”. Il dialetto Tgnîr da cat è un’espressione antica emiliana, già documentata, a Modena,...

Facebook Pagelike Widget

Novità in libreria

Indovinelli dei nostri nonni

Rebus dialettale

Risolvendo questo rebus dialettale troverete il mio nome. Chi sono e a cosa servo?

Vai alla soluzione…

 

 

Previsioni oggi in Emilia Romagna

Meteo Emilia Romagna