Al dé di mórt

A i’ò vlù métar un fjòr só la tó tómba,
t’arcordat? Andèvan al zimitéri insèm,
mé ira cinéna, a ma stufèva,
a vlìva ciapèr la biciclèta e pedalèr,
gl’ amìghi andèr a catèr.
Incùa a vègn chè dèntar, ad dopmeʒdé
e crèdum, a pèns sol a té.
La véta la pèr tùrnèr indrìa,
a cum l’ira préma t’andès via;
a sìnt i pàs, i cólp ad tòs, al vòs,
la biciclèta a ch’ riva, l’ós ch’a sèra,
luntàn un putén chènta a squarciagola.
L’è pasèda acsè in fória la giurnèda,
è gnu sèra e an m’in son brìʃa adéda.
Av salót tót, sènza fèr difarènz,
la bidèla, ch’la lavurèva a scóla,
l’amigh, ch’al studièva migh,
al Profèsor, própia ‘na gran persòna,
-al latèn, al gréch, la letteratura,
al m’ha insgnè Ló l’amòr par la cultura-
Ché dèntar gh’è la memòria dal paèʃ,
i mórt in guèra, i libaré, i sfulé,
i amìgh, i parint, i mìa…
An n’ò ʃminghè ninsón,
paróla mia,
un dé a gnirò a fèruv cunpagnìa.

Nerina Ardizzoni (dial. di Renazzo di Cento – FE)

Traduz. dell’autrice:
Ho voluto mettere un fiore sulla tua tomba,/ ti ricordi? Andavamo al cimitero insieme,/ io ero piccola, mi stancavo,/ volevo prendere la bicicletta e scappare,/ andare a trovare le amiche./ Oggi, di pomeriggio, vengo qui,/ e il mio pensiero è solo per te, credimi./ La vita sembra tornare indietro,/ a com’era prima che te ne andassi;/ risento i passi, i colpi di tosse, le voci,/ la bicicletta che arriva e la porta che si chiude,/ in lontananza un bambino canta a squarciagola./ È passata così in fretta la giornata,/ è arrivata la sera e non me sono accorta./ Vi saluto tutti, senza fare differenze,/ la bidella che lavorava a scuola,/ l’amico che studiava con me,/ il Professore, davvero un grand’uomo,/ -il latino, il greco, la letteratura,/ è Lui che mi ha insegnato l’amore per la cultura-/ Qui dentro c’è la memoria del paese,/ i caduti in guerra, i liberati, gli sfollati,/ gli amici, i parenti, i miei genitori…/ Non ho dimenticato nessuno,/ parola mia,/ un giorno verrò a farvi compagnia.