T-è chēld, è vêra? – E mè
A sòun ’na funtanèina:
a cmèinz a la matèina
e a sûd ch’a pēr paghē. 

Mo a gh-è al rimêdi, vî-t?:
per stēr chēld da tedásch
a dámm i eśàm … cs’in dî-t?
Alôra sé a stám frásch!

Incô da la paûra
d-andēr tótt in sudôr
a vagh dal profesôr

e lò, pin ed premura,
żò, una lavêda ed testa,
mo propria da la fēsta.

Giuseppe Messori (1868/1900)
Dialetto di Modena

In occasione degli esami – Hai caldo, è vero? Ed io/ sono come una fontanella;/ comincio alla mattina/ e sudo tanto da sembrare pagato a farlo. // ma c’è il rimedio, vedi?: / per stare caldi come i tedeschi/ diamo gli esami … che ne dici?/ Allora sì che stiamo freschi!// Oggi per la paura/ di sciogliermi tutto in sudore/ vado dal professore// e lui, pieno di premura,/ giù, una lavata di testa,/ ma proprio coi fiocchi.