L’è Znär al mes äd la tossa,

ai vec agh casca la gossa.

Il lavanderi i gh’àn i zlon.

La sapa in-t-un canton

la fa un pislen, contenta

Odor ‘d bida, äd polenta,

äd scartoc, äd ven nov.

In-t-al polar gnan ‘n ov,

in-t-l’ort gnan na bonierba.

Al vilan al gh’à la bärba

longa dura cmè i spen.

Al grill in-t-al camen,

intant ch’al se sboienta,

al toz in gir la genta.

Renzo Pezzani (1898-1951). Dialetto parmigiano.

 

 

Traduzione dal dialetto parmigiano a cura di Paolo Costi:

E’ Gennaio il mese della tosse

ai vecchi cade la goccia (dal naso)

I lavatoi hanno i ghiaccioli (stalittiti di ghiaccio).

La zappa in un angolo

fa un pisolino, contenta.

Odore di letame, di polenta,

di foglie di granoturco, di vino nuovo

Nel pollaio nemmeno un uovo,

nell’orto nemmeno un prezzemolo.

Il contadino ha la barba

lunga e dura come le spine.

Il grillo nel camino

intanto che si scalda

prende in giro le persone.

Foto: La gazza (Monet)